Secondo il diritto italiano possiamo identificare come società multi servizi quell’azienda che si occupa dell’erogazione di due o più servizi pubblici come ad esempio allaccio di acqua e gas, gestione dei rifiuti, pulizia delle strade, illuminazione pubblica, cura del verde e via discorrendo. Essa provvede quindi a fornire tutti quei servizi che servono alla comunità, destinati a migliorarne la situazione ambientale e pratica.

Solitamente ogni regione ha 2 o 3 società multi servizi che si occupano della gestione del territorio per gli aspetti sopra riportati, tanto per citarne alcune fra le più famose in base alle determinate regioni in cui operano:

  • Parte della Liguria, Piemonte, parte dell’Emilia ed altre partecipazioni locali: Iren SpA
  • Lombardia: A2A SpA (con altre partecipazioni locali) e LGH SpA
  • Parte dell’Emilia, Romagna, parte delle Marche, Veneto e Friuli-Venezia-Giuli: Hera SpA
  • Parte della Toscana, Umbria e parte del Lazio: Acea SpA
  • Territorio veronese e 4.000 comuni in Italia: Gruppo AGSM

Suddette società possono essere a capitale pubblico, gestite quindi direttamente dallo Stato o dalla Regione, o a capitale privato (o misto pubblico privato) in cui per ottenere la gestione di un determinato servizio, l’azienda deve prima vincere una gara d’appalto.

Queste aziende permettono ai cittadini di avere servizi regolari mantenendo la comunità vivibile ed ottimale. Naturalmente vi sono anche alcuni vantaggi economici non indifferenti di cui tenere conto durante la gestione delle risorse.

Pratica del tutto comune è la fusione di più aziende che spesso, per salvarsi da tracolli economici, decidono di unire i propri sforzi e prendono in carico settori specifici dei servizi pubblici, divenendo poi un’ unica grande società.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *