Proteggersi dai traumi, sia al lavoro ma anche nella vita di tutti i giorni, è molto importante ed il tutore per il polso può essere un valido alleato. Questi ausili, ormai talmente discreti da poter essere facilmente indossati anche sotto i vestiti senza che vengano visti, sono un’ ottimo supporto per attività ripetitive, che spesso portano ad infiammazioni o peggio. Ma come sceglierlo fra le centinaia di modelli disponibili sul mercato? Vediamolo insieme!

Come già premesso esistono tantissimi modelli di tutore per il polso e scegliere quello giusto può essere, a volte, faticoso se non si sa bene cosa si sta cercando. Va specificato inoltre che questi ausili hanno differenti funzioni a seconda del modello, del materiale di costruzione e della forma. Possiamo però trovare 2 macro categorie in cui fare una prima cernita: tutori medici e tutori di prevenzione.

La prima tipologia, come lascia ben intuire il nome, è destinata alla riabilitazione post operatoria o post infortunio, ed ha forme ergonomiche studiate per mantenere mano e polso in posizioni ben definite così da consentire una guarigione omogenea dell’ arto. La seconda tipologia invece, la più comune, ha lo scopo di prevenire eventuali traumi ed è molto utilizzata dagli sportivi.

Come si può intuire da quanto detto dunque, il tutore per il polso è estremamente versatile e può offrire una reale protezione a quei soggetti più a rischio, oltre a possedere anche una funzione lenitiva. In questo articolo, nei primi paragrafi, è riportato il link a Sanort, uno degli e-commerce più rinomati del settore, che dispone di un’ ampia gamma di tutori da polso fra cui poter scegliere che potrete sfogliare in tutta comodità.

Se avete ancora dubbi potrete trovare inoltre le schede specifiche di ogni prodotto complete di esauriente descrizione. Scegliete con cura e rimarrete soddisfatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *